Fermate Google, voglio scendere

Questo post è scaturito da una (mini) pausa di riflessione durante la quale ho cercato di osservare dall’esternoStop Google il mio comportamento di utente del Web. Il risultato è che, quasi senza accorgermene, mi sono riscoperto un Google-dipendente.

(continua…)

Come si misura la notorietà sul web

Forbes

Vuoi diventare una star del web e noi sai come fare? Tranquillo, questo articolo non te lo insegnerà :) Però ti spiegherà come si può misurare la notorietà sul web.

La nota rivista economica Forbes ha pubblicato, come ogni anno, la “Web Celeb 25″, cioè la lista delle principali celebrità del web.

(continua…)

Web marketing: dove investire nel 2009

Siamo ad inizio anno ed è tempo, per chi è saggio, di pianificare le iniziative marketing e comunicazione del 2009.

Se sei a caccia di qualche consiglio, ecco come gli uomini marketing statunitensi hanno intenzione di investire quest’anno nel “mare magnum” dell’online marketing (Fonte: eMarketer):

(continua…)

Google: anche i ricchi piangono

Google

Siamo ormai abituati a quotidiani, riviste specializzate (online e offline) e blog vari che trattano regolarmente di Google, dei suoi prodotti e delle sue strategie. In particolare, nelle ultime settimane stanno proliferando gli articoli i cui autori puntano i riflettori su alcuni comportamenti dell’azienda di Mountain View.

Un esempio per tutti, tre articoli recenti della rivista online Punto Informatico:

(continua…)

Social network: la carica degli adulti

Adulti sui social networkSe fino ad oggi hai pensato che Facebook, MySpace & Co. fossero una questione solo per adolescenti, devi ricrederti.

Un recente studio pubblicato da USA Today dimostra che il numero di over 18 iscritti ad almeno un social network è in continua ascesa. Se nel 2005 solo un adulto su 10 aveva un profilo, oggi la percentuale è salita al 35%. E se in termini assoluti i minorenni sono ancora la maggioranza, a livello di nuove iscrizioni il numero di maggiorenni cresce ad un ritmo doppio di quello dei minorenni.

Le motivazioni che spingono gli adulti ad iscriversi non sono diverse da quelle dei loro figli o nipoti: rimanere in contatto con gli altri, scambiarsi informazioni, insomma, divertirsi.

Andiamo oltre il dato numerico e cerchiamo di capire cosa cambia per chi intendesse utilizzare il canale social network per una campagna di advertising:
(continua…)

Content is king. Ma quali contenuti?

Primo comandamento SEO: “content is king”.

Gli esperti SEO ci insegnano da sempre che il metodo più sicuro per ottenere un buon posizionamento sui motori è costruire siti ricchi di contenuti di qualità. In questo articolo non mi soffermo sull’aspetto qualità, sul quale ci sarebbe molto da dire (cosa si intende esattamente per qualità?); cercherò invece di spiegarti quali contenuti è possibile aggiungere al tuo sito.
(continua…)

Ecco perchè Facebook batte MySpace (in Italia)

Prendo spunto dalle tipiche classifiche di fine anno per fare una riflessione sui social network.

Marketing Charts ha pubblicato la classifica dei social network più popolari negli USA, aggiornata a Novembre 2008.

La vittoria di MySpace sui concorrenti è schiacciante. Stupisce soprattutto il fatto che negli Stati Uniti MySpace abbia avuto più del doppio delle visite di Facebook, mentre in Italia le percentuali sono quasi invertite, con Facebook che ha da poco superato la soglia dei 5 milioni di visitatori.

Viene quindi da chiedersi: perchè in Italia Facebook è così popolare, mentre in altri paesi è superato da altri SN?

Per rispondere a questa domanda dobbiamo mettere a confronto i fattori di successo dei due SN più diffusi, Facebook e MySpace:
(continua…)

Google Suggest a rischio censura?

Da qualche giorno è disponibile anche su google.it la funzionalità Google Suggest. Si tratta di uno strumento pensato per rendere le ricerche  più veloci ed intuitive. Quando un utente digita le prime lettere della stringa all’interno della finestra di ricerca di Google (ma lo stesso accade anche nella Google Toolbar disponibile per i vari browser o nella barra degli indirizzi di Chrome), Google Suggest fornisce dei suggerimenti in tempo reale cercando di interpretare cosa l’utente sta cercando.
(continua…)

Buon Natale

Ti auguro di trascorrere un Sereno Natale.

In questi giorni di festa non dimentichiamoci di chi ha più bisogno di noi.

Buone Feste!

Crisi: il settore media non si salverà

Il 2009 sarà caratterizzato dalla crisi economica. Il nuovo anno non cheap viagra canada è ancora iniziato e già siamo stanchi di leggere questa parola. La previsione è, però, unanime da parte degli studiosi di economia e finanza, quindi non ci resta che accettarla. Chiediamoci allora: la crisi toccherà anche il settore dell’advertising?

L’esperienza passata (si veda la crisi del “post-bolla” nel 2001) fa propendere decisamente per un “sì”. E’ infatti prassi comune che, in periodo di crisi, la prima voce di budget che le aziende provvedono a tagliare è quella dell’advertising, in tutte le sue forme. Si tratta però di un comportamento strategicamente sbagliato: è proprio nei periodi di crisi, specialmente se generalizzata come quella che ci attende, che le aziende dovrebbero intensificare gli sforzi in comunicazione. I pochi che hanno il coraggio di investire in queste fasi vedono quasi sempre premiati i loro sforzi; in una situazione in cui in pochi comunicano, infatti, chi lo fa ha una visibilità evidentemente superiore rispetto alla norma.

La previsione di un 2009 nero per l’advertising è confermata anche dall’agenzia di rating Fitch Ratings secondo la quale nel 2009 l’ambiente pubblicitario subirà una recessione peggiore di quella del 2001.

La crisi sarà inevitabilmente più grave per i media tradizionali che già negli ultimi anni hanno visto ridursi la loro quota di mercato a favore dell’advertising online. Fitch è particolarmente drastica su questo punto prevedendo che molti giornali e magazine cartacei saranno costretti a chiudere i battenti il prossimo anno.

L’altra faccia della medaglia? Se osserviamo la situazione da consumatori di spazi pubblicitari possiamo almeno sorridere. Il costo medio degli spazi si ridurrà drasticamente, specialmente sui media tradizionali. Troppo poco per sperare in un buon 2009? :)