Il marketing del pixel

Google Search

Se dovessi fare il nome di una web company dinamica, in continua e costante crescita, indicherei senz’altro Google. Praticamente non passa settimana senza che BigG annunci qualche novità su uno dei suoi prodotti.

Partendo da questo presupposto, mi ha stupito l’enfasi con la quale sul blog ufficiale di Google è stata annunciata una novità nell’interfaccia di Google Search. Come si vede dall’immagine, BigG ha allargato il box di ricerca, ingrandito leggermente i pulsanti e aumentato il font utilizzato sia nel box che nei suggerimenti per la ricerca.

Queste le parole utilizzate da Marissa Mayer (vice-presidente della divisione “Search Product and User Experience”) per descrivere la novità:

[…] siamo eccitati per questa novità, perchè simboleggia il nostro focus sulla ricerca è perché rende la nostra essenziale e minimalista homepage ancora più semplice e divertente da usare.

Ti garantisco che ho provato e riprovato ad utilizzare la nuova interfaccia, ma di divertimento neanche l’ombra.

Intendiamoci, non sto disprezzando l’intervento, che indubbiamente perfeziona un’interfaccia già al top dell’usabilità. Mi sembra però eccessiva l’enfasi con la quale si è cercato di caricare questo annuncio. Se tanto mi dà tanto, cosa faranno quando verrà rilasciato Google OS? :)

Perché anche i 20 o 30 pixel aggiunti ad un box vengono utilizzati come strumento di marketing con l’evidente obiettivo di generare buzz?

Forse Google comincia a temere l’alleanza Microsoft+Yahoo! oppure, più verosimilmente, il minaccioso Facebook?

Tante domande alle quale potresti aiutarmi a rispondere lasciando il tuo commento :)

Articoli correlati


6 Commenti

  1. l’aumentare delle dimensioni dei monitor ha portato molti restyling delle pagine web che sembravano francobolli ridicoli su un 26 pollici … google ha fatto lo stesso

  2. Roberto Bernazzani

    Blipper, sono d’accordo, forse si trattava di un aggiornamento “dovuto”.
    Proprio per questo mi stupisce l’enfasi con la quale è stato annunciato. Non mi sembra un cambiamento epocale e non penso che Google abbia bisogno di questo per far parlare di sè. Da qui sono partite le mie riflessioni.

  3. bene o male… purché se ne parli. :-)

  4. …più verosimilmente, il minaccioso Facebook?

    non dirai davvero spero :) , finché facebook resta chiuso non ha chance, da ieri sto usando google wave…altro che facebook, può interagire (postare e leggere) su facebook, twitter, gmail, google docs, siti web, ecc. ecc. il social definito sta preparando Google.

    Domani metto la mia guida di google wave, mi raccomando dacci un’occhiata :P .

    Ciao berna!

  5. Roberto Bernazzani

    Ciao Yuri,
    tu che mi segui regolarmente sai bene che non sono un fan sfegatato di Facebook. Noto però che molti utenti lo aprono per primo quando si siedono davanti al pc, lo tengono aperto tutto il giorno e lo usano per scopi per i quali non è stato pensato originariamente (es. chiedere consigli ai propri amici sulla bontà o meno di un prodotto prima di acquistarlo).
    In questo senso ha già sostituito i vecchi portali e può diventare una (anche se piccola) minaccia per Google, anche grazie al fatto alla sua enorme base utenti.

    Per quanto riguarda Wave lo sto testando anch’io da qualche tempo. Le prime impressioni sono buone, ma non sono sicuro che il suo funzionamento sia così intuitivo per “l’utente medio”. Che ne pensi?
    Vado a leggermi la tua guida :)

  6. Penso che wave sia semplice, anche per l’utente medio, come riesce ad usare facebook riuscirà ad usare wave, con la differenza che potrà farci più cose ad esempio usare facebook/twitter da wave, promuoversi, collaborare (anche in conferenza telefonica/videoconferenze) e molto altro; devo ammettere che mi sta facendo perdere un po di tempo adesso perchè sto provando di tutto ma ha delle funzionalità infinite ;)

    Ciao berna!

Commenta